feb 21, 2013

Pubblicato da in Match - La cronaca | 3 Commenti

Under17: Fatemi due by pass perché uno non basta…

_________________________________________________________________________________

76

-

65

POLISPORTIVA BASKET
VOBARNO

d.1t.s.

GSO BASKET
SERENO

_________________________________________________________________________________

Quando qualcuno ci chiederà se abbiamo mai visto o giocato una partita da “cardiopalma”, quella di Polisportiva Vobarno – Basket Sereno potrà essere la nostra risposta. Ma ora passiamo alla telecronaca: il primo quarto inizia con una formazione lanciata da coach Gatti composta da Rossi in ruolo di playmaker, Mirandola e Pitossi come guardie, Doniselli come ala grande, Molto Grande, e il nostro capitan Nolli come pivot. Dopo ben oltre 20 minuti finisce il primo quarto con un parziale di 22-25 per gli ospiti e un infortunio per Rossi. A metà partita il risultato è di: 34-42, ovviamente per Sereno. Dopo altri due quarti sudati, i ragazzi di casa riescono a “recuperare”, con il parziale del terzo in pareggio 10 a 10 e dopo palle recuperate, palloni sporcati, tagliafuori fatti correttamente i vobarnesi riescono a recupera con un quarto tempo da incorniciare, con il punteggio che stranamente dice pareggio: 62-62. Quindi, usando termini dell’NBA, si passa all’overtime. Si può dire che il 5° tempo sia stato il più duro, con una situazione stabile, il ghiaccio si rompe quando Soldi stoppa con bravura il n°15 avversario, quest’ultimo invoca nostro Signore, facendo scattare un tecnico per

Cristian Mirandola

gli avversari e di conseguenza due tiri liberi per la squadra di casa, entrambi messi a segno dal realizzatore della squadra Mirandola e successiva rimessa a metà campo.

La partita si conclude con un punteggio di 76-65  per la squadra di casa. Oltre ad una stupenda vittoria, possiamo dire di essere contenti perché nonostante una buona differenza di punteggio siamo riusciti a vincere, mettendo anima e cuore (chiedete a Doni-Nolli) da parte di tutti, tifo compreso. Comunque ribadisco, bravi a tutti!! ( anche a Gio Turra che mette tre triple, e questa volta Ennio dovrà pagare il Big Mac)… però non è finita perché sì, abbiamo vinto, ma bisogna allenarci per evitare errori banali, come i passi di partenza.

“by Michele Podavini #17″

Mirandola 43; Nolli 8; Turra 14; Podavini 3; Doniselli 3; Pitossi 2; Soldi 1; Della Noce 1; Pirrera; Ravera; Terzi; Rossi

Share
  1. Ennio, mi sa che stavolta ti tocca…
    E dopo Giorgio, avanti un altro. Poda, vogliamo 3 triple anche da te (o 30 rimbalzi, scegli tu!!!)

    • E’ uno di quei giorni che non dimenticherò “martedì 19-02-2013″
      Mi son venuti i crampi alle dita……….al tavolo cronometro..

      ……..sfido Giorgio a mangiarne Due…………..

      Complimenti a tutti

  2. Poda “la telecronaca” si fa con il microfono non con la penna………….comunque bravo

    l’offerta di Mauro vale anche per Te

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

*

Protected by WP Anti Spam

Teinture d'un serpent-tête de la Moldavie, et aussi la teinture d'un Yarrow herbe ordinaire. teinture sur Spirit (vodka) d'une racine de marais d'aira. une excellente façon de se débarrasser de la douleur avec ce bouillon: prendre l'écorce de chêne dans la quantité de 100 grammes, versez un litre Arrosez et faites bouillir pendant 15 minutes. Let's cool, ajouter une tranche de poivre et 2 cuillères à soupe de vinaigre. Il y a une autre recette efficace sur le http://mangopharmacieenligneblog.fr/generique-cialis-en-ligne/ de la douleur dentaire sous la forme de bouillon pour le rinçage: prendre l'écorce d'Aspen 15 grammes et 200 ml d'eau et faire bouillir 5-7 minutes, le refroidissement à la température ambiante et la bouche creuse.

Pour ceux qui superstitieux, peut approcher une telle façon: l'ail Pelé (sur une serviette) mis à un endroit sur une main où le pouls est mis. La main doit être sur le côté opposé de la dent malade.