mag 16, 2016

Pubblicato da in In Evidenza, Manifestazioni Basket, Match - Under 16 Femminile, News dal mondo Basket | 4 Commenti

Giù il cappello

Tanta acqua è passata sotto i ponti da quei primi allenamenti di agosto dell’anno passato, quando la squadra U16F ha iniziato la preparazione per la stagione agonistica a venire. In quegli occhi limpidi, veri specchi dell’anima non ancora inquinati dalla vita, si leggevano tante cose: aspettativa per il campionato, curiosità verso le nuove compagne,  il nuovo allenatore in seconda e il nuovo preparatore atletico, certezza di poter contare, alle brutte, sul volto rassicurante di Coach Paolo, quello dell’anno prima, desiderio di progredire nella tecnica e nella tattica della pallacanestro.

Il risultato sportivo è lì da vedere: un terzo posto regionale che all’inizio tutti avrebbero sottoscritto, ma che, a vedere come sono andate poi le cose, lascia un po’ di amaro in bocca, perché in regular season le campionesse della Sanmaurense le avevamo pur battute con un fior di prestazione.

Restano tante immagini di questa marcia irripetibile.

Il triangolare di Dello, dove abbiamo preso coscienza del potenziale della squadra.

L’esordio a Pioltello, con vittoria molto più di autorità di quanto non dica il divario finale.

La vittoria contro il Brixia Basket, capolavoro di tenacia.

La sconfitta contro il Brixia Basket, capolavoro di tenacia.

La vittoria di Sesto, nel tempio del basket femminile.

La vittoria contro Sanmauro, summa teologica della stagione.

Il canestro all’ultimo secondo di Veronica #23 di Canegrate che ci condanna alla sconfitta casalinga.

Il canestro a 12 secondi dalla fine della numero 12 di Canegrate, che ci condanna alla sconfitta nella seconda partita delle final four.
L’abbraccio consolatorio di Veronica #23 di Canegrate a Sophia nel corridoio degli spogliatoi

La cena in pizzeria di sabato, con i conteggi per capire cosa bisogna fare con Sanmauro.

Il maledetto dolore al polpaccio del capitano apparso nella mattina di domenica.

La cavalcata vincente e meritata di Sanmauro nella finale.

L’applauso dei tifosi avversari: il premio più bello.

Le lacrime di tutte le altre nostre piccole grandi eroine.

Le bombe di Cristina.

Gli assalti all’arma bianca di Margherita.

Le penetrazioni di Marisa.

I contropiede di Lucia.

I rimbalzi di Sophia.

Finta di tiro e penetrazione sulla riga di fondo di Giulia.

La concretezza di Chiara.

I sacrifici di Martina.

Le mani veloci di Jessica.

Il premio – virtuale – di most improved player di Marta.

La tecnica di tiro di Irene.

Le angustie di Ioshe.

Il valore aggiunto dei genitori che non hanno mai smesso di sostenerci senza invadenza.

Gli Score di Patrick e Giandomenico.

Coach Paolo: passione allo stato puro.

Share
  1. Giù il cappello… appoggiatelo sul seggiolino e…
    TUTTI IN PIEDI PER LE RAGAZZE !!!

    P.S. – Non dimentichiamo anche il gran ruolo di coach Davini, che umile qual è fa finta di dimenticarsi di lui… grande presenza in palestra, dentro e fuori dal campo, ha saputo entrare nella testa delle ragazze ed è riuscito ad infondere in loro la giusta fiducia per dare il meglio ogni giorno di più!

  2. Ennio Porretti dice:

    Grazie ragazze per le emozioni e le piacevoli ore che Ci avete fatto vivere assistendo ai vostri allenamenti ed alle coraggiose partite disputate.

    Un grazie doveroso ai vostri genitori sempre cortesi, tifosi obiettivi e amabili compagni di svago …..a tavola……e nelle trasferte……

    Grazie ancora da………………….nonno Ennio………

    ….e sempre “TUTTI IN PIEDI PER LE RAGAZZE !!!”

  3. Patrick dice:

    Semplicemente stupende….iniziare a seguirvi così, quasi per caso, sino ad essere stato poi sempre più attirato all’interno di questa meravigliosa Realtà, diventando quasi parte di questa stupenda Squadra!!!

    Grazie a tutti i Genitori ( gran esempio di tifosi, sempre disponibili e dalla disarmante simpatia) ai Coach Paolo Gatti e Alessandro Davini ed ovviamente a tutte queste fantastiche Ragazze!!!

    Grazie Ragazze…..Grazie Leonesse!!!

    E sempre e solo…..TUTTI IN PIEDI PER LE RAGAZZE!!!!

    Patrick

  4. Stefania Porrini dice:

    Ciao, sono la mamma di Alessia, play maker n24 CANEGRATE.
    Volevo solo dirvi che la ragazza in questione si chiama Veronica…(parlo dell’abbraccio con la n°9).
    Comunque sono contenta del bellissimo esempio di sportività e amicizia che è scaturito tra alcune delle nostre e delle vostre ragazze!
    Speriamo di ritrovarci l’anno prossimo.
    L’unico rammarico è per l’infortunio alla nostra Giorgia; si poteva evitare, non incolpo nessuno delle vostre ragazze (qualcuno di loro ha anche chiesto scusa), purtroppo l’arbitraggio ha lasciato molto a desiderare! Bisognava da subito iniziare a fischiare i falli.
    In bocca al lupo alle vostre ragazze e anche a voi genitori

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

*

Protected by WP Anti Spam

Teinture d'un serpent-tête de la Moldavie, et aussi la teinture d'un Yarrow herbe ordinaire. teinture sur Spirit (vodka) d'une racine de marais d'aira. une excellente façon de se débarrasser de la douleur avec ce bouillon: prendre l'écorce de chêne dans la quantité de 100 grammes, versez un litre Arrosez et faites bouillir pendant 15 minutes. Let's cool, ajouter une tranche de poivre et 2 cuillères à soupe de vinaigre. Il y a une autre recette efficace sur le http://mangopharmacieenligneblog.fr/generique-cialis-en-ligne/ de la douleur dentaire sous la forme de bouillon pour le rinçage: prendre l'écorce d'Aspen 15 grammes et 200 ml d'eau et faire bouillir 5-7 minutes, le refroidissement à la température ambiante et la bouche creuse.

Pour ceux qui superstitieux, peut approcher une telle façon: l'ail Pelé (sur une serviette) mis à un endroit sur une main où le pouls est mis. La main doit être sur le côté opposé de la dent malade.