dic 25, 2016

Pubblicato da in Match - La cronaca | 0 Commenti

Sotto l’albero, i due punti vanno a Gussago

_________________________________________________________________________________

37

-

64

POLISPORTIVA VOBARNO BASKET

BASKET GUSSAGO

__________________________________________________________________________Testp

Tanta era la gente accorsa al palazzo per supportare la prima divisione Vobarnese impegnata nel difficile scontro al vertice contro la forte ed esperta formazione del basket Gussago. Orfana anche di Mirandola, la compagine Vobarnese pareva pronta ad affrontare i diretti rivali per la testa della classifica, ma qualcosa non é andato.

Inizio non dei migliori, poca precisione e tanti errori portano subito gli ospiti sul 6-0; approccio che non fa ben sperare, ma una buona ripresa e la concentrazione ritrovata portano i padroni di casa sul 6-6 grazie a Seminario Marco che apre i giochi con una Bomba. Il piglio sembra ritrovato, ma in men che non si dica ecco un altro crollo, soprattutto mentale, che permette agli ospiti di prendere il largo, chiudendo il primo periodo avanti di 9 lunghezze.

Secondo periodo da incubo per i padroni di casa, sulla carta senza dubbio il peggiore parziale della gara. I padroni di casa, dopo la bomba di Mitov non trovano il modo di ragionare in fase offensiva, perdendo tantissimi palloni e permettendo agli ospiti di volare letteralmente via, sotto gli occhi increduli di un gremito PalaVobarno, e davanti ad un inviperito coach Faberi, che non riesce a trasmettere ai suoi la tranquillità mentale di cui necessiterebbero. Fra le schiere ospiti é Rosola, che, sugli scudi permette ai suoi compagni di chiudere all’intervallo lungo avanti di 25 lunghezze, mettendo in forte crisi i padroni di casa, capaci di segnare solo 10 punti in 20′ di gioco.

Terzo periodo di gioco che vede in campo la vera compagine Valsabbina. Forse il calo degli ospiti adagiatisi sul + 25, forse la voglia di rivalsa dei padroni di casa, permette ai tifosi di vedere una partita come si deve: tiri realizzati, buon gioco, buone azioni difensive su entrambi i lati del campo vedono le due compagini equivalersi, se non fosse per il divario, ancora pesantemente a favore della compagine ospite, ma che resta praticamente invariato al parziale del quarto, che vede sconfitti i padroni di casa ma di una sola lunghezza, 17-18.

Ultimo periodo che difatto vede gli ospiti passeggiare sui padroni di casa, come leoni fra i corpi straziati delle gazzelle, ormai sicuri del loro vantaggio. La compagine Vobarnese non trova mai il bandolo della matassa, il gioco resta sommario, azioni personali e poca squadra, specchio di tutta la gara, della quale vi risparmio le percentuali; la situazione falli, già critica dal secondo quarto di certo non aiuta, Biondo out per 5 falli, entrambi i Seminario e Raus a quota tre falli e sempre a rischio. Ci prova fino alla fine coach Faberi,rimescolando le carte, o almeno così sembra, sin a quando, ormai la rimonta diventa difatto un’utopia…e allora Garbage time!!
Suona la sirena, che purtroppo segnala la prima sconfitta in campionato della formazione Vobarnese. Una sconfitta fra le mura amiche, sconfitta che pesa e che permette a Gussago di mettere sotto l’albero due punti importanti per il primato in classifica. Mai difatto in partita, se non per i primi 3/4 minuti, la compagine Vobarnese crolla sotto i colpi della più esperta squadra del basket Gussago, concludendo l’anno in malomodo, lasciando nel palazzetto e nello spogliatoio tensione e disappunto….ma riprendendo una citazione che calza a pennello…”Siem mia dei fenomeni prima, som mia dei bróc adés (non eravamo fenomeni prima, non siamo scarsi adesso)

Ci sentiamo a Gennaio…

Buone Feste, Buon Anno…e…Buon Basket !!

POL.Vobarno: Zanni M, Mitov K. 8, Raus R, Seminario M. 14, Biondo A.2, Turra G.5, Grumi A. 8, Seminario M, Doniselli P, Raciti M, Mazzacani M. (K), Nolli N.

Parziali: 6-15; 10-35; 27-53; 37-64.

Share

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

*

Protected by WP Anti Spam

Teinture d'un serpent-tête de la Moldavie, et aussi la teinture d'un Yarrow herbe ordinaire. teinture sur Spirit (vodka) d'une racine de marais d'aira. une excellente façon de se débarrasser de la douleur avec ce bouillon: prendre l'écorce de chêne dans la quantité de 100 grammes, versez un litre Arrosez et faites bouillir pendant 15 minutes. Let's cool, ajouter une tranche de poivre et 2 cuillères à soupe de vinaigre. Il y a une autre recette efficace sur le http://mangopharmacieenligneblog.fr/generique-cialis-en-ligne/ de la douleur dentaire sous la forme de bouillon pour le rinçage: prendre l'écorce d'Aspen 15 grammes et 200 ml d'eau et faire bouillir 5-7 minutes, le refroidissement à la température ambiante et la bouche creuse.

Pour ceux qui superstitieux, peut approcher une telle façon: l'ail Pelé (sur une serviette) mis à un endroit sur une main où le pouls est mis. La main doit être sur le côté opposé de la dent malade.