feb 1, 2018

Pubblicato da in Match - La cronaca, Match-Under 18 Femminile | 0 Commenti

Under 18 F, Spettacolo !

_________________________________________________________________________________

94

-

46

POLISPORTIVA VOBARNO BASKET

AZZURRA BASKET BRESCIA

__________________________________________________________________________Testp

Azzurra, grazie a una prestazione superba, era stata l’unica squadra capace di domare Vobarno all’andata in questa fase di qualificazione. Era più che evidente che le nostre ragazze non avessero digerito quella sconfitta, ragion per cui si sono presentate all’appuntamento di domenica al Palavobarno ben decise a mettere in chiaro i motivi per cui Vobarno è capolista nel suo girone. Chi non conosce bene questo gruppo avrebbe potuto paventare che, con la qualificazione alla prossima fase gold e il primo posto nel girone già in cassaforte, un briciolo di rilassatezza avrebbe potuto serpeggiare tra le nostre fila: nulla di tutto questo, troppa era la voglia di rendere pan per focaccia alle avversarie cittadine.
Pronti via, le nostre cominciano bene e solo due triple abbastanza avventurose consentono ad Azzurra di tenere il passo: ma non ce n’è per nessuno, le vobarnesi volano via con contropiedi micidiali e alla fine del primo quarto sono avanti 29-6 grazie a percentuali di realizzazione degne di serie superiori e a una difesa che ruba palloni a raffica. Le palle recuperate, con il Capitano e Bonacini a farla da padroni in questa specialità, a fine gara saranno 35, contro le 15 perdute.
Nella seconda frazione sale in cattedra la premiata ditta Gasparini&Massara e presenta il suo prodotto: fare canestro. Con compagne che si danno da fare e a turno assecondano la coppia come meglio non si potrebbe fare, Vobarno si aggiudica anche questo quarto 21-14. L’aggregato all’intervallo lungo recita 50-20: il risultato è frutto di un attacco che ha lavorato benissimo, ma soprattutto di una difesa che ha reso quasi impotenti le ragazze di Azzurra, alcune delle quali sono delle signore giocatrici.
Alla ripresa delle ostilità, il copione resta identico, e se Vobarno comprensibilmente molla qualcosa in difesa, in attacco continua a picchiare con ritmi da fabbro ferraio che lavora a cottimo: pregevoli giocate arrivano da Orlando, che si scopre bravissima attaccante e non solo arcigno difensore, e Taiola, specialista del finta-palleggio-arresto-tiro. Allodi è sempre più brava a dettare i ritmi di gioco come deve fare un vero play, mentre Montini tira giù caterve di rimbalzi da una parte e dall’altra del campo. Coach Davini risparmia Cippini che all’inizio del match si è presa una leggera scavigliata: la guerriera deve essere preservata. Alla fine del terzo quarto sarebbe già ora di mamma butta la pasta, se non fossimo a metà pomeriggio; meglio pensare a tè e biscotti.
Con il risultato nel freezer la quarta frazione è mero academy time (non mi piace chiamarlo garbage, troppo dispregiativo per la passione e la professionalità degli atleti, a qualunque livello) sia per Vobarno che per Azzurra: le ragazze in campo si danno da fare per fornire uno spettacolo assai gradevole al numeroso, corretto e anche “piacevole” (almeno a detta di uno degli arbitri) pubblico seduto sulle tribune del Palavobarno.
Sabato 3 febbraio c’è il testa-coda con Pontevico, ultima partita di qualificazione, con gran parte delle possibili avversarie della prossima fase già designata. Restano alcuni punti di domanda relative alle terze posizioni, che verranno definite con incontri spareggio al calor bianco o con incroci impossibili da prevedere. Resta il fatto che ci attendono squadre forti e attrezzate: pane per i denti delle nostre ragazze.

Quarti: 26-6, 21-14, 26-13, 18-13

Vobarno: Gasparini 26, Taiola 4, Allodi 4, Orlando 6, Cippini 2, Cadenelli (K) 7, Montini 5, Massara 27, Bonacini 13.

Azzurra: Pezzetti 10, Bonomelli S 12, Bonomelli C 14, Mira 4, Calabresi 2, Kaur 4

Share

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

*

Protected by WP Anti Spam

Teinture d'un serpent-tête de la Moldavie, et aussi la teinture d'un Yarrow herbe ordinaire. teinture sur Spirit (vodka) d'une racine de marais d'aira. une excellente façon de se débarrasser de la douleur avec ce bouillon: prendre l'écorce de chêne dans la quantité de 100 grammes, versez un litre Arrosez et faites bouillir pendant 15 minutes. Let's cool, ajouter une tranche de poivre et 2 cuillères à soupe de vinaigre. Il y a une autre recette efficace sur le http://mangopharmacieenligneblog.fr/generique-cialis-en-ligne/ de la douleur dentaire sous la forme de bouillon pour le rinçage: prendre l'écorce d'Aspen 15 grammes et 200 ml d'eau et faire bouillir 5-7 minutes, le refroidissement à la température ambiante et la bouche creuse.

Pour ceux qui superstitieux, peut approcher une telle façon: l'ail Pelé (sur une serviette) mis à un endroit sur une main où le pouls est mis. La main doit être sur le côté opposé de la dent malade.