apr 16, 2018

Pubblicato da in Match - La cronaca, Match-Under 18 Femminile | 0 Commenti

Crema Chantilly…

_________________________________________________________________________________

58

-

74

BASKET CREMA

POLISPORTIVA VOBARNO BASKET

__________________________________________________________________________Testp

Vedere giocare la Under 18F ieri ha accresciuto i rimpianti da what if…
Se avessimo giocato sempre così la classifica del girone sarebbe molto migliore. Ma non importa: il piacere di quanto abbiamo visto supera di gran lunga ogni rimpianto.
Se si eccettuano i primi due o tre minuti di studio reciproco, le nostre hanno dominato in lungo e in largo la partita a dispetto del fatto di essere in formazione largamente rimaneggiata: è proprio vero che le difficoltà aumentano il coraggio e fanno emergere la forza morale, cosa di cui le ragazze sono ampiamente dotate.
Dopo i primi assaggi, si diceva, Vobarno fa la voce grossa e piazza un parziale di 16-0 che annichilisce Crema e risuona come il famoso “mamma butta la pasta!” di petersoniana memoria. Il canestro viene centrato da tutte le posizioni al termine di azioni ben costruite che liberano le giocatrici per tiri aperti da fuori e 1c0 da sotto. Alla fine del primo quarto il tabellone dice 20-13 per le ragazze vobarnesi.
Nella seconda frazione le percentuali calano leggermente in ragione di un’accentuata pressione difensiva: coach Davini cambia le difese alternando la uomo e la zona con qualche spruzzata di zona press e questo probabilmente confonde un po’ l’attacco avversario che raggranella solo sette punti in dieci minuti, contro il malloppo di quindici messo nella bisaccia da Vobarno: all’intervallo lungo siamo 35-20 ma la bravura delle ragazze cremasche – ben sperimentata nostro malgrado all’andata – impone di stare in campana e di non fidarsi delle apparenze.
Le nostre ragazze hanno però capito l’antifona e nel secondo tempo, pur concedendo qualcosa di più in difesa, continuano a martellare in attacco, intascando anche il terzo quarto con il parziale di 19-15.
Nell’ultimo quarto è battaglia ancora per pochi minuti con il vantaggio per Vobarno che si dilata oltre i 20 punti, poi le nostre, complice anche la stanchezza dovuta al roster ridotto, mollano qualcosa e Crema riesce a recuperare qualche punto. Negli ultimi minuti vi è spazio anche per Soardi e Fatiga, due ragazze U14, che hanno rimpolpato il nostro referto che altrimenti sarebbe stato scheletrico. Le due ragazzine hanno mostrato un coraggio ammirevole e addirittura Fatiga ha trovato spazio e modo di infilare la tripla solo rete che ha suggellato il risultato finale.

Vobarno: Fatiga 3, Gasparini 15, Allodi 8, Navoni 9, Cippini 5, Montini 4, Massara 21, Bonacini 9, Soardi.

Crema: Degli Agosti 9, Possali 3, Cavana 6, Maglio 4, Valenti 14, Rossi 18

Share

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

*

Protected by WP Anti Spam

Teinture d'un serpent-tête de la Moldavie, et aussi la teinture d'un Yarrow herbe ordinaire. teinture sur Spirit (vodka) d'une racine de marais d'aira. une excellente façon de se débarrasser de la douleur avec ce bouillon: prendre l'écorce de chêne dans la quantité de 100 grammes, versez un litre Arrosez et faites bouillir pendant 15 minutes. Let's cool, ajouter une tranche de poivre et 2 cuillères à soupe de vinaigre. Il y a une autre recette efficace sur le http://mangopharmacieenligneblog.fr/generique-cialis-en-ligne/ de la douleur dentaire sous la forme de bouillon pour le rinçage: prendre l'écorce d'Aspen 15 grammes et 200 ml d'eau et faire bouillir 5-7 minutes, le refroidissement à la température ambiante et la bouche creuse.

Pour ceux qui superstitieux, peut approcher une telle façon: l'ail Pelé (sur une serviette) mis à un endroit sur une main où le pouls est mis. La main doit être sur le côté opposé de la dent malade.