mag 21, 2018

Pubblicato da in Match - La cronaca, Match-Under 18 Femminile | 0 Commenti

È finita…o forse no?

_________________________________________________________________________________

 

64

-

46

SONDRIO SPORTIVA BASKET

POLISPORTIVA VOBARNO BASKET

__________________________________________________________________________

S’infrangono  in terra Valtellinese i sogni playoffs delle Under 18 F che  in quel di Sondrio sono costrette acedere il passo alle padrone di casa, causa un primo quarto sottotono, insomma, non dei migliori (12-3). Le prime della classe del Girone GOld 2 non erano di certo imbattibili, forti, brave, indubbiamente, ma non imbattibili, mi concederei un classico “alla nostra portata”. Affermazione che spesso dà il “la” ad un’analisi colpevolizzante nei confronti della squadra sconfitta, ma non è questo il caso.  Certamente i numerosi errori del primo periodo hanno pregiudicato la possibilità di giocare i restanti 30′ alla pari, ma non per questo la gara è stata da buttare, anzi, assolutamente.

Trovare ritmo non è stato certo facile, campo nuovo, ferri e tabelloni diversi spesso possono creare problemi, in più se aggiungiamo alla lista la lunga trasferta di quasi 3 ore, qualche motivazione alla carestia offensiva si può trovare; la motivazione sicuramente non è l’approccio alla partita delle ragazze, che sin dal primo minuto hanno messo in campo, voglia, grinta e buona difesa che ha permesso sin da subito di recuperare palloni importanti; dalla difesa zona alla press alla zon-press alla classica ma sempre efficace difesa a uomo, le soluzioni non sono certo mancate, mettendo spesso in crisi le padrone di casa.Certo qualche disattenzione talvolta ha fatto pagar dazio alle vobarnesi, ma questa è la pallacanestro, si difende egregiamente per 23″ e al 24esimo per una svista si subisce canestro.

Archiviato il primo quarto, con la partita già sui binari delle padrone di casa, ma non per questo data per persa, le atlete valsabbine trovano finalmente il ritmo e il gioco che le contraddistingue, accorciando a tratti anche il divario e mostrando buoni momenti di grande pallacanestro. Il divario però è ampio da colmare, per quanto siano pochi, 11 punti in una gara da giocare punto a punto diventano difficili da recuperare, nonostante le ragazze non mollino mai un colpo e non diano mai la partita per persa, le padrone di casa, trainate da Scala e Catanese rendono vani i tentativi di ridurre il parziale messi in atto dalle Leonesse Valsabbine; e a dare l’amaro verdetto sulla sirena finale ci pensa il tabellone, che sancisce la pesante verità: 16 punti di scarto che di certo non rappresentano la reale differenza tra le due formazioni, e chi c’era o chi ha mai messo piede su un campo da pallacanestro sà cosa intendo.

Termina quindi così il sogno playoffs Gold 2018. con una sconfitta che in un turno “secco”, senza possibilità di risposta tra le mura amiche non significa troppo e che sicuramente non rispecchia la meravigliosa annata della squadra.  Chi ha sempre seguito le ragazze lo sa, e seppur faccia male non si torna di certo a casa con le proverbiali “pive nel sacco” ma indubbiamente a testa alta, anzi altissima, non dimentichiamoci mai che queste ragazze ci hanno fatto gioire, sognare e hanno portato la nostra piccola realtà sempre più in alto, confrontandosi con società che da anni ormai calcano i grandi parquet del basket femminile! Pazientate e continuate con quest’entusiasmo. perchè molto altro ci attende, tante altre occasioni ci permetteranno di mostrare (se ce n’è bisogno) cjin siamo e quanto valiamo!! TRUST THE PROCESS!

Concludo citando le parole di un “vecchio” saggio…

Giù il cappello (per queste ragazze)…appoggiatelo sul seggiolino e…TUTTI IN PIEDI PER LE RAGAZZE!!

Share

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

*

Protected by WP Anti Spam

Teinture d'un serpent-tête de la Moldavie, et aussi la teinture d'un Yarrow herbe ordinaire. teinture sur Spirit (vodka) d'une racine de marais d'aira. une excellente façon de se débarrasser de la douleur avec ce bouillon: prendre l'écorce de chêne dans la quantité de 100 grammes, versez un litre Arrosez et faites bouillir pendant 15 minutes. Let's cool, ajouter une tranche de poivre et 2 cuillères à soupe de vinaigre. Il y a une autre recette efficace sur le http://mangopharmacieenligneblog.fr/generique-cialis-en-ligne/ de la douleur dentaire sous la forme de bouillon pour le rinçage: prendre l'écorce d'Aspen 15 grammes et 200 ml d'eau et faire bouillir 5-7 minutes, le refroidissement à la température ambiante et la bouche creuse.

Pour ceux qui superstitieux, peut approcher une telle façon: l'ail Pelé (sur une serviette) mis à un endroit sur une main où le pouls est mis. La main doit être sur le côté opposé de la dent malade.